Cattive Notizie

2 maggio 2008

Fratturarsi da soli?

Filed under: Immigrazione e asilo,Visioni — Marco Binotto @ 12:09 pm
Tags: , , , , , , ,

Certe volte alcuni tic dell’informazione, certi sotterranei pregiudizi, passano per i dettagli. Una frase innocente, che passa inavvertita. Quasi in modo invisibile, addirittura “subliminale” (termine che un buon studioso di comunicazione non dovrebbe mai usare).

La frase fa sorgere un dubbio: come ci si rompe un braccio od una gamba? O meglio una frattura è un incidente?

Domande stupide? Certo, perché la risposta è scontata. Di solito si ha una frattura per un sfortunato caso. Si cade, ad esempio. In ogni caso si tratta di un fatto involontario.

A meno che.

A meno che si sia un “immigrato clandestino” approdato a Lampedusa. In questo caso il giornalista del tg1 può tranquillamente affermare che diversi migranti o richiedenti asilo approdati oggi “si sono procurati delle fratture“. Non gli è capitato, in qualche modo se la sono cercata.

Si potrà dire, è successo davvero così. Allora la questione diventa più interessante. Perché qualcuno, dopo ore di barcone per arrivare in Italia, si dovrebbe “procurare delle fratture”? La notizia desta curiosità, andrebbe approfondita. In fondo si tratta proprio di informazione.

Si potrà dire, è davvero un dettaglio insignificante. Ma il mestiere del comunicare – come quello dello scienziato sociale – riguarda proprio dettagli insignificanti come la scelta dei termini, degli aggettivi, delle immagini, delle sfumature. In fondo si tratta proprio di parole.

Annunci

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: